La Pachanga

Dal 1996, la prima Scuola di Balli caraibici a Terni
e la prima Scuola di Kizomba in Italia


Sulle note della Kizomba

Tutti hanno uno o più brani preferiti, a seconda dei gusti musicali o semplicemente dall’emozione che si prova nell’ascoltare una melodia. Si è parlato molto di cosa sia la Kizomba, della sua divulgazione e della sua importanza nei Congressi di tutta Europa, ma ancora poco delle sue sonorità e di coloro che ci permettono di ballarla grazie ad un arcobaleno musicale che ci tocca il cuore. Nel rispetto, innanzitutto, delle preferenze personali e soggettive di ognuno, assolutamente insindacabili in quanto tali, ho pensato “perché non dare una linea guida dei pezzi di maggior successo utilizzandoli, al tempo stesso, per far capire le differenze tra i vari stili (Kizomba, Semba, Tarraxinha, Kuduro)?!?” Come spesso accade, la strada iniziale da percorrere per far apprezzare un genere musicale è sicuramente quella di seguire la scia dei cosiddetti brani commerciali. Così facendo, l’orecchio si abitua a conoscere ed apprezzare nuovi ritmi “senza stress”. La Kizomba suonata dagli artisti di ultima generazione (quindi non propriamente “tradizionale”) e, specialmente, la Tarraxinha (con la quale si fondono molto spesso), ci aiutano molto in questo. Artisti del calibro di Kaysha (Sushiraw anthem, Flan Kin Ta Sta Sempre, Something Going On, Be With You…), Mika Mendes (Magico, Put It Down feat. Elizio), Nelson Freitas (Rebound Chick, Saia Branca, Na Bo’ Casa, Simple Girl), Anselmo Ralph (Não Me Toca, Atira Agua, Sou Sortudo feat Zona 5), Konde (Esconde Esconde, Negra) hanno dato vita a questi brani accattivanti che riescono ad entrare con facilità e naturalezza nella mente di chi li ascolta. Un altro nome importante nel panorama kizombeiro è, senza dubbio, quello di C4 Pedro: i suoi successi “Da só”, I want to be happy, Diz só, Pokémon & Picachu fet. Ary, Pensa Bem, Ya feat Havy C, Casamento, sono un esempio di come Kizomba, RnB e Hip Hop convivano perfettamente in armonia. In virtù di ciò, colgo l’occasione per soffermarmi su un aspetto importante, ovvero quello di non andare alla spasmodica (a volte forzata) ricerca di una linea di demarcazione tra i vari stili. Mi spiego meglio: per quanto ogni genere musicale possa essere codificato e definito, sarà sempre il risultato della fusione di sonorità diverse, ognuna con la sua evoluzione e diffusione (anche geografica), che hanno, però, come comune denominatore il continente d’origine, l’Africa. E’ per questo, ad esempio, che nella Kizomba angolana troviamo moltissime assonanze con lo Zouk di Antille e Martinica. In seguito, grazie al progredire dell’industria musicale e della tecnologia, siamo arrivati a questi artisti contemporanei che riescono con estrema fluidità ad unire la Kizomba ai generi musicali “urbani” degli afroamericani… e, anche in questo caso, “Mama Africa” è sempre presente! Il gruppo Irmãos Verdades ha spopolato nel mondo essendo il creatore di brani simbolo quali Yolanda, Amar-te assim, Africadançar, Vem Baybe. Non possiamo tralasciare alcune meravigliose voci femminili: Pérola (I wanna let you know my name, Presta atençao, Amor de ninguem feat Don Kikas…) e Neuza (Volta pa mi, Tarraxa cu mi, Mo Manuelito…), Vanda May (Nao me tarraxa…), Yola Semedo (Decisao, Give it to Me), Yola Araujo (Apaga essa chama), Ary (Amor da Minha Vida)… Continuiamo la nostra rassegna musicale con delle vere e proprie icone che spaziano tra Kizomba, Semba e Musica Tradizionale. Ricordiamo, quindi: Angolanamente Sensual, Continua Assim, Sexta Feira (Don Kikas), Ela ja quero, Proprio Mwangolé (Rei Helder), Kuma Kwa Kié (Yuri Da Cunha), Monami, Zebedé, Como me sinto (Puto Português), Ancoró (Maya Cool), Bebedeira, Kizomba Mwangolé (Angelo Boss), Mulemba Xangola (Bonga). Impossibile non nominare il papà della Kizomba Eduardo Paim (Etu mu dietu, Granda Mbaia). Vorrei concludere questa passeggiata musicale con l’allegria e la spensieratezza del Kuduro: Titika con “Olha Boneco” e Madruga Yoyo con “Vamos Là” sono i due brani che attualmente mandano in delirio le piste da ballo grazie alla loro ironia ed energia. Ci tengo a sottolineare che è impossibile citare tutti i musicisti con relativi brani in un solo articolo. E’ una panoramica generale da cui prendere tutti gli spunti necessari per far conoscere in modo sempre più approfondito la grande varietà musicale di questo mondo.

Fernando Bum Bum Rodrigues

Copyright

 
A.S.D. Pachanga Scuola di balli Caraibici e Kizomba
P.I. 01385530553 - C.F. 910 512 30 554

Contatti

 
tel. +39.324.77.30.717
tel. +39.338.34.35.321
fisso. +39.0744.1981007
fernandobumbum@lapachanga.it
Via Del Sersimone 31 | 05100, Terni

Official Video